PAOLO ASSENZA

{"slide_to_show":"1","slide_to_scroll":"1","autoplay":"true","autoplay_speed":"6000","fade":"false","speed":"666","arrows":"true","dots":"false","loop":"true","nav_slide_column":"3","rtl":"false"}
Slider Nav Image

Paolo Assenza, nato nel 1974 a Roma dove vive e lavora. Diplomato in Scenografia all’Accademia di Belle Arti di Roma, dove è tra gli altri allievo dello storico dell’arte Alberto Boatto, si forma artisticamente negli anni ‘90 a contatto con molti artisti della scena romana tra cui Bruno Aller, Maurizio Mochetti (di cui è stato assistente), gli esponenti dello storico  Gruppo Uno (Achille Pace, Nato Frascà, Ninì Santoro, Nicola Carrino), e della Scuola Romana di Via degli Ausoni a San Lorenzo, negli anni tra il 1996 e il 2009 in cui ha lo studio di fronte a Palazzo Cerere. Più recentemente è entrato tra gli artisti del Castello di Rivara diretto da Franz Paludetto,  Il suo lavoro si muove trasversalmente dalla pittura all’installazione al video, medium attraverso i quali si sperimenta costantemente pur mantenendo un rapporto prediletto con la pittura. Ha partecipato a numerose mostre nazionali e internazionali e  sue opere sono presenti in collezioni pubbliche e private. Nel 2014 è tra i fondatori di SpazioY, luogo sperimentale e indipendente per l’Arte Contemporanea nella periferia romana, attività con  cui ha all’attivo l’organizzazione e la cura di numerose mostre, e che in occasione della Biennale di Manifesta 12 ha aperto una nuova sede a Palermo, un esperienza anche questa che intende come una “azione artistica” in cui il luogo espositivo di ricerca è inteso come spazio di confronto artistico/politico/sociale, un progetto culturale all’oggi necessario attraverso il quale è possibile ri-formulare un’esperienza contemporanea affine a quelle delle avanguardie già note nel panorama storico artistico.

L’attività dello spazio espositivo , è stata oggetto di numerosi articoli di stampa speciaizzata e in occasione della prima edizione di Nesxt (festival sulle realtà indipendenti ), e diretto da Olga Gambari, è stato selezionato tra le 20 più rappresentative realtà indipendenti presenti sul territorio Nazionale 

© Copyright - Davide Paludetto Arte Contemporanea