ALBERTO CASTELLI

{"slide_to_show":"1","slide_to_scroll":"1","autoplay":"true","autoplay_speed":"6000","fade":"false","speed":"666","arrows":"true","dots":"false","loop":"true","nav_slide_column":"3","rtl":"false"}
Slider Nav Image

Alberto Castelli cresce negli anni ’70 in una  Torino che può non sembrare completamente accogliente e sicura.
Nel passaggio dagli anni ’70 agli ’80, circondata da un ambiente che non concilia postumi del benessere con una crescente discordia sociale (che sfocia nel terrorismo e nella paura), la famiglia di Alberto Castelli trova una chiave di fuga nell’amore per l’arte. La frequentazione dei grandi musei internazionali è la vacanza dal telegiornale urbano.
Il padre di Castelli è pittore e antiquario e sembra educare il figlio ad una sorta di omaggio al museo. “Anch’io” è la sintesi del giovane Alberto davanti a La zattera della medusa di Théodore Géricault, ma sembra sottintendere “anch’io come papà”.  E la storia diventa esemplare, riconciliandosi con quella di tutti. In qualche modo, i personaggi dei quadri di Alberto Castelli sembrano provare a fissare, sembrano voler congelare un’infanzia perenne ed impossibile.

© Copyright - Davide Paludetto Arte Contemporanea